MICHELE EMILIANO SU DATI ISTAT SULLA POVERTA’

“I dati Istat di oggi sono allarmanti: quasi il 12% degli italiani nel 2016, più di 7 milioni di persone, sono in condizioni “di grave deprivazione materiale”, l’Italia è tra i Paesi europei con il tasso di occupazione degli under 35 più basso in Europa, gli investimenti sono in calo per il settimo anno consecutivo”: lo scrive sulla sua pagina Facebook Michele Emiliano, candidato segretario nazionale Pd.

“La nostra mozione – continua – lo dice chiaro: serve una misura universale di contrasto alla povertà come in tutta Europa, con adeguati investimenti economici. Il reddito di integrazione varato da Gentiloni è sulla strada giusta, ma molti poveri ne sono rimasti esclusi perché le risorse messe a disposizione non sono sufficienti.

Ci vuole più coraggio per aumentare le risorse contro la povertà. Occorre razionalizzare gli interventi del welfare come abbiamo fatto in Puglia verso una misura universalistica. E, perché no, magari tagliare le spese militari, visto che quelle italiane sono fra le più alte in Europa.

Renzi e la sua mozione parlano di merito e opportunità – come contrapposto alla solidarietà sociale ed alla protezione delle persone in difficoltà – come se fossimo in pieno boom economico! Non vedono il dolore sociale diffuso e che l’esclusione è tornata ad essere lo spartiacque della società. Anche chi lavora, oggi, può essere povero. È una crisi lunga e profonda quella che il paese sta vivendo, e le ferite le sopportano i cittadini più deboli. A questi cittadini occorre dare risposte concrete e coraggiose come quelle che noi proponiamo e che ridisegnano il welfare attualmente iniquo”.

X